Visualizzazioni totali

venerdì 10 agosto 2018

Bando Periferie. Il sindaco di Matera chiede un incontro al Presidente Conte

Di seguito il testo integrale della lettera

Illustre Presidente,
Le scrivo con animo rammaricato per la decisione del Senato, sostenuta dal Governo, di sterilizzare sino al 2020 le risorse rinvenienti dal Bando delle Periferie e dirette a sostenere progetti selezionati di molti comuni italiani.
Matera è stata gratificata da tali risorse per 13 milioni e 120 mila euro finalizzate a interventi rilevanti per esaltare il corridoio di accesso alla città dalla via Appia (porta monumentale) e un’area oggi marginale ma destinata a divenire strategica per il carico degli investimenti pubblici e privati in atto.
Sono luoghi destinati a dare dignità urbana e funzioni decisive a una città che nel 2019 rappresenterà l’Italia in Europa.
Quello che più inquieta il Sindaco di Matera è l’omissione istituzionale di tale ruolo con una scelta indifferenziata che disinvoltamente ha ignorato la responsabilità rappresentativa di cui Matera sarà investita nel prossimo anno.
E’ sconcertante registrare come in occasioni similari lo Stato abbia potenziato i flussi finanziari per garantire la conquistata rappresentanza internazionale di un territorio italiano, mentre a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, vengano sottratte risorse essenziali e impedita l’attuazione di qualificanti interventi urbani.
Devo confessarLe che, malgrado i trionfalismi di rito, il Governo nazionale è stato parsimonioso con l’Amministrazione Comunale assegnando risorse statali per non più di 36 milioni di euro, dai quali vanno oggi sottratti i 13 milioni del bando delle periferie.
Poiché non sono più consentiti livelli di attesa e l’allarme è grande, Le chiedo ufficialmente di incontrarLa perché Lei possa registrare con più ampiezza di elementi la pesante condizione della mia Città rispetto a questa imprevista e sorprendente decisione politica.
Non siamo latitanti o insipienti in quanto con protocollo n.59697/2018 Le sono stati trasmessi progetti definitivi ed esecutivi degli interventi più rilevanti.
Affido alla Sua sensibilità culturale e politica la denunciata situazione di disagio della mia Città, che non meritava un simile trattamento.
In attesa di un Suo positivo riscontro, voglia gradire i sentimenti della mia stima e della mia cordialità.

giovedì 19 luglio 2018

Imprese del Sud, nuova agevolazione “Macchinari Innovativi”: requisiti e cosa finanzia



È pari ad oltre 340 milioni la dotazione dell'agevolazione Macchinari Innovativi per le piccole e medie imprese del Sud. Il decreto MISE pubblicato in GU del 17 luglio 2018 definisce requisiti, spese ammesse e cosa finanzia il bonus per la fabbrica intelligente.


PER SAPERNE DI PIU',CLICCA QUI

martedì 17 luglio 2018

Basilicata: differiti termini domande per misure Psr

A seguito “delle richieste di proroga pervenute e per consentire ai beneficiari di far fronte alla complessità delle attività finalizzate alla costituzione dei partenariati e propedeutiche alla attivazione delle Misure 4.1, 4.2 e 16.0 in modalità filiera” del Psr (Piano sviluppo rurale), la Giunta regionale della Basilicata, su proposta dell’assessore all’agricoltura, Luca Braia, “ha approvato il differimento dei termini di presentazione delle relative domande”.
Lo ha reso noto l’ufficio stampa della stessa Giunta. In particolare, “è stato rinviato al 3 ottobre 2018 il termine per la Misura 4.1 ‘Sostegno a investimenti nelle aziende agricole’ Approccio di Filiera, così come il termine per la Misura 4.2 ‘Sostegno a investimenti a favore della trasformazione/Commercializzazione e/o sviluppo dei prodotti agricoli’ Approccio di filiera. E’ differito, invece, al 18 ottobre 2018 il termine per la presentazione delle domande di sostegno relative alla Misura 16.0 ‘Valorizzazione delle filiere agroalimentari’. Nei prossimi giorni sarà pubblicato il provvedimento”.

sabato 14 luglio 2018

Il Ministero dell’ambiente ha avviato la VIA per la perforazione del pozzo “Alli 5” in Val D’Agri

Il Ministero dell’ambiente ha avviato la Valutazione di Impatto Ambientale per la perforazione e messa in produzione del pozzo “Alli 5” , per la concessione di coltivazione idrocarburi Val D’Agri. Il progetto prevede la perforazione e la messa in produzione del nuovo pozzo “Alli 5” nell’area cluster Sant’Elia 1 – Cerro Falcone 7 della concessione di coltivazione di idrocarburi “Val d’Agri”. Il proponente è ENI e il pozzo interesserà la Basilicata in provincia di Potenza nel comune di Marsico Vetere. Il pubblico può presentare osservazioni al ministero dell’ambiente entro il 10 Settembre prossimi. La concessione Val d’ Agri scade il 26 Otttobre 2019 mentre l’Eni con istanza pervenuta al Ministero dello sviluppo economico il 27 ottobre 2017, in qualità di rappresentante unica della concessione di coltivazione, ha chiesto la proroga decennale della concessione stessa. La Val d’Agri si conferma di forte interesse per le compagnie petrolifere mentre a scadenza concessione vedremo, dichiara l’associazione “No scorie Trisaia” cosa farà il nuovo governo sia sul rinnovo della concessione Val d’Agri che sull’autorizzazione di nuovi pozzi

mercoledì 11 luglio 2018

Basilicata. Ispettorato del lavoro controlli in edilizia e ristorazione, diverse le irregolarità

Nell’ambito dei controlli nel settore edile in Basilicata, l’Ispettorato del lavoro e i Carabinieri hanno scoperto quattro aziende irregolari su nove esaminate: tre persone sono state deferite in stato di libertà all’autorità giudiziaria e, su 27 lavoratori, cinque sono irregolari e uno “in nero”

Leggi tutto
http://www.trmtv.it/home/attualita/economia/2018_07_11/175738.html

Istat su differenziata e rifiuti urbani: la Basilicata (col Molise) ne produce meno


I dati elaborati dall’Istituto di Statistica nazionale confermano che la Basilicata (insieme al Molise) è la regione italiana che produce meno rifiuti urbani. Il dato – riferito all’anno 2016 – sarebbe pure da ascrivere tra quelli positivi se non fosse che anche le quote di raccolta differenziata sono altrettanto basse.
Se nel 2016 infatti i rifiuti urbani prodotti da un singolo lucano pesano 353 kg la quantità differenziata è di un misero 39,2%. Il dato medio in Italia pesa la produzione annuale procapite nel 2016 in quasi 500 kg con una percentuale di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti pari al 52,5%I

venerdì 29 giugno 2018

A Matera il 13 luglio prossimo l’evento nazionale “Lavoro che cambia: professioni del futuro”


Creare un tavolo di confronto tra i più autorevoli esperti italiani ed europei sulle politiche del lavoro” è l’obiettivo dell’evento nazionale “Il Lavoro che cambia: le professioni del futuro”, che si svolgerà a Matera il 13 luglio (dalle ore 15), organizzato dall’Agenzia regionale lavoro e apprendimento in Basilicata (Lab). Il programma è stato presentato oggi, a Potenza, nel corso di una conferenza stampa.

All’evento interverranno, tra gli altri, i direttori delle Agenzie regionali per il lavoro delle Regioni Emilia Romagna e, i dirigenti di Enea e della Fondazione gazzetta amministrativa, i rappresentanti dell’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (Anpla) e la responsabile nazionale di Eures, la rete europea per la mobilità internazionale dei lavoratori che opera in 32 Paesi. L’evento sul lavoro che cambia si svolgerà al termine della riunione annuale delle Rete Eures italiana: “E’ stato accolto l’invito che la Lab ha rivolto al Coordinamento nazionale Eures l’anno scorso – ha spiegato il direttore generale Antonio Fiore – in occasione dell’evento organizzato da Regione Basilicata, Lab e Zentrale Auslands und Fachvermittlung, il servizio di collocamento internazionale della Germania, per la selezione di giovani professionalità da assumere in strutture sanitarie tedesche”.

La Lab è organizzata in una struttura direzionale con sedi a Potenza e Matera e quattro sedi periferiche territoriali (Lauria, Venosa, Villa d’Agri e Tricarico). Coordina otto Centri per l’impiego con sei sub-centri.